Consulente SEO Specialist

Tutto il lavoro che oggi deve svolgere un SEO è diventato più complesso e impegnativo, perchè non si occupa solo di ottimizzazione. Iniziando dalla registrazione del dominio, scelta della grafica o template, pubbicazione o revisione di testi, ottimizzazione delle immagini, inserimenti sulle mappe, monitoraggio, statistiche e reports.

Tutte le statistiche dimostrano che un 80% del traffico arriva dai risultati organici di Google e solo un 20% dagli annunci sponsorizzati a pagamento. In ogni caso, per testare l'efficacia delle nostre keywords bisogna usare Google Adwords per sondare prima di andare online il nostro mercato, quanto sono ricercati i nostri prodotti dagli utenti.

Indicizzazione, ottimizzazione e posizionamento non sono da considerare meno della grafica di un sito internet. Essere trovati su Google per determinate keywords sarà il vero problema, dopo aver messo online un sito. Tutto questo spesso è un lavoro dove bisogna iniziare quasi da zero.

Sopratutto il lavoro del SEO oggi è fatto di continui aggiornamenti e monitoraggio dei risultati.


Indicizzazione Motori di Ricerca

Tutti i Motori di Ricerca sono in grado di Indicizzare un Sito quasi in automatico. In ogni caso bisogna fare attenzione a quali risultati SEO non indicizzare, per evitare contenuti duplicati e penalizzazioni. Inoltre per la messa in sicurezza del vostro CMS (Content Management System) utilizzato, come ad esempio Wordpress e Joomla! o Prestashop e Magento.

Il primo lavoro del SEO scegliere le migliori keywords per intercettare il pubblico target nella fase di ricerca, ma il posizionamento su Google non è una gara di formula uno. La concorrenza che oggi si trova sui motori di ricerca qui si batte sul totale, perchè sono l'insieme di ricerche per una numerosa combinazione di keywords a fare la vera differenza.

L'indicizzazione di siti web con migliaia di URL è un lavoro SEO complesso, saper impostare dei parametri di scansionamento, velocizzare le pagine, fare il minify dei files, migliorare le performance, diminuire la frequenza di rimbalzo, proteggersi dai robots o dallo spam.

Tutto il lavoro di Indicizzazione spesso non viene considerato, perchè si crede che Google e altri motori di ricerca facciano qualsiasi cosa in automatico. Invece non è quasi mai sufficiente mettere online un sito e pubblicare articoli.


Le differenze tra SEO e Adwords

In molti casi un consulente SEO Specialist si interessa di Adwords e campagne di Remarketing per gli utenti di ritorno. Infatti gli utenti che arrivano con dei risultati gratuiti, dopo si possono intercettare con annunci sponsorizzati visibili solo agli utenti che hanno già visitato il vostro sito.

Il lavoro non si limita alle keywords e non basta gestire un budget perchè bisogna creare la migliore campagna pubblicitaria, sperimentare e analizzare (anche in tempo reale) il flusso del traffico, monitorare click e conversioni per massimizzare il ROI (Return on Investment).

Non pensate che il lavoro del Consulente Adwords sia più semplice del SEO alla fine dei conti. Infatti, se qui basta scegliere le keywords per posizionarsi nei risultati sponsorizzati su Google, dopo bisogna sopratutto considerare che ogni click ha un prezzo.

Spesso gli annunci su Google si usano per creare delle campagne di Lead generation via email o per il remarketing degli utenti di ritorno. In ogni caso, con gli annunci sponsorizzati è meglio indirizzare gli utenti su delle pagine specifiche.

Non pensate alla SEO come l'alternativa di Adwords gratuita. Tramite gli annunci sponsorizzati possiamo metterci inevidenza su vari canali di ricerca, ma il lavoro che bisogna fare è molto diverso, anche se basato sulle keywords.

Invece la SEO interessa il 100% della visibilità per una numerosa combinazione di keywords, quando diventano centinaia o migliaia. Non si considera solo Google, ma tutti i motori di ricerca.


Social Media Optimization

Le visite possono arrivare dai social network tra cui Facebook e YouTube, per cui diventa importante anche la SMO (Social Media Optimization) allo scopo aumentare i canali di traffico o solo per chiudere un percorso di acquisizione iniziato su Google.

Il mondo dei social network può aiutarci a migliorare la visibilità online, ma le visite interessate arrivano dai motori di ricerca. In ogni caso su Facebook, dove la gente ci resta molto tempo, bisogna usare gli annunci e puntare meglio agli utenti di ritorno.

In ogni caso i social network sono sopravvalutati quando si tratta di visite e utenti interessati. Infatti Facebook ha sempre tempi lunghi di conversione e quasi tutti gli utenti sono distratti dagli amici o dalle mille notizie.

Tutte le statistiche dicono che il 90% di utenti chiudono un sito internet senza farci più ritorno e online abbiamo solo 10 secondi di tempo per vendere. Se non volete perdere tempo, denaro e sopratutto clienti, affidatevi solo ai professionisti del settore.

Tutti oggi sono bravi a realizzare un sito ma solo in pochi ottengono dei risultati!


10-08-2013 © Carmelo Raccioppi