Matt Cutts spiega Google in 3 minuti!

In questo video in lingua inglese Matt Cutts spiega come se fosse dentro un cartone animato il funzionamento di Google in solo 3 minuti. Il motore di ricerca bisogna anzitutto considerarlo come un grande archivio di pagine web e files.

Ho ascoltato decine di video di Matt Cutts e (anche se spesso si contraddice) seguirlo mi ha permesso di capire meglio il ragionamento dal lato umano di Google. Non dimentichiamo che Google è un'azienda internazionale dove all'interno lavorano migliaia di persone.

Un altro video di Matt Cutts interessante riguarda la Ricerca Vocale su Google, che al momento sembra qualcosa di trascurabile, ma che potrebbe diventare importante in futuro anche da casa.

La funzione davvero importante come Indicizzare un Sito bisogna dire che Google come motore di ricerca la svolge quasi alla perfezione, anche se nei siti complessi di tipo ecommerce molte cose vanno riviste e anche impostate manualmente.


Cos'è Googlebot in sintesi

Google oggi è sicuramente il più evoluto dei Motori di Ricerca del mondo e non si può spiegare come un semplice catalogo o archivio di pagine o come una semplice classifica di siti internet.

Googlebot è uno spyder, ossia un software che ogni giorno scansiona internet alla ricerca di nuovi contenuti da indicizzare. Nel suo indice giornalmente vengono aggiunti o eliminati milioni di nuovi o vecchi URL (Uniform Resource Locator) che sono gli indirizzi univoci di ogni files.

E anche le immagini hanno un loro indirizzo ben preciso che Googlebot è in grado di indicizzare, presentandole dopo in fase di ricerca di ricerca agli utenti. Lo spyder si muove nella rete internet tramite Link (collegamenti) e da questo si capisce l'importanza degli stessi.

In questo video bisogna notare che Google considera molti Fattori di Ranking per stabilire la qualità dei siti web e rilevanza di ogni pagina indicizzata nelle SERP (Search Engine Result Pages).

In ogni caso, quando si dice posizionamento siti internet non è la giusta definizione. Sono gli URL a essere indicizzati e sono le pagine web a posizionarsi su Google. Spesso troveremo singoli files come immagini, mappe e video anche nella ricerca principale, inclusi dai vari canali.


Universal Search di Google

La Universal Search di Google presenta molti risultati diversificati, ma sempre correlati alla nostra stessa ricerca. Tutto questo già partendo dal 2007 e quindi da circa 10 anni.

Iniziando con gradualità Google ha inserito nei risultati non solo un elenco di Siti o meglio pagine web e files. Si tratta di risultati provenienti da fonti diverse, come ad esempio immagini, news, libri, schede, video e mappe.

Si è calcolato che oggi circa il 70% dei risultati delle ricerche effettuate su Google contengano almeno un elemento nuovo, che viene incluso da altri canali di ricerca, in base alle keywords inserite dagli utenti.

In particolare, si trovano immagini (40%) News (30%) Video (30%) e sempre più spesso le Mappe (50%) quando la ricerca ha degli intenti di ricerca locale o inseriamo un luogo di ricerca.

Tutti i social network, inziando da Facebook e YouTube, sono un oggetto di una ricerca "speciale" da parte di Googlebot, considerando che sono sempre più frequentati dagli utenti.


Non solo ricerca ma shopping

Non ultima sotto un aspetto business è la sezione "Shopping" introdotta da Google. Tutti coloro che gesticono un E-commerce possono inserire delle schede prodotti in modo gratuito nel canale dedicato. In altenativa, sponsorizzato tramite annunci nella ricerca principale.

Google vuole anche diventare un comparatore di prezzi, ma sopratutto un canale di ricerca dedicato allo shopping online, indicizzando e catalogando tutte le schede prodotti inviate dai merchant o gestori.

Infine, non dimentichiamo le apps di Google Play o Apple Store, che oggi si troveranno molto spesso quando faremo le nostre ricerche da smartphone in base al nostro sistema operativo.

25-01-2017 © Carmelo Raccioppi